OGNI GIOVEDÌ ORE 20,45 SU TELECHIARA E SU CANALE SKY 832 (TVA Vicenza)

Notizie, approfondimenti, servizi video dalle gare, classifiche:
con Teleciclismo sei sempre informato sul mondo del Ciclismo

Articoli

torna indietro
08-01-2012
Foto

Campionato Italiono Ciclocross-Bolzano sabato 7 gennaio 2012

VADENA (Bolzano). E’ calato questo pomeriggio il sipario sulla prima giornata dei Campionati italiani di ciclocross 2012, in programma al Safety Park di Vadena (Bolzano), aspettando che si rialzi domani per il clou. E in questa prima giornata è stato grande spettacolo con le gare Master e Esordienti maschili e Donne Esordienti e Allieve 1° e 2° anno.

In terra altoatesina, in attesa che domani, domenica 8 gennaio, si completi il programma di questo 20° Trofeo Città di Bolzano, valido per i titoli tricolore, si sono laureati campioni Carmine Del Riccio (Master 1), Massimo Folcarelli (Master 2), Maurizio Luigi Carrer (Master 3), Marco Balberini (Elite Sport), Gianni Panzarini (Master 4), Giuseppe Dal Grande (Master 5), Renzo Valentini (Master Over), Michele Bassani (Esordienti), Allegra Maria Arzuffi (Donne Esordienti), Silvia De Piaz (Donne Allieve 1° anno) e Chiara Teocchi (Donne Allieve 2° anno).

La prima giornata, davvero splendida, è andata così in archivio. Ora si torna in "pista" domani, domenica 8 gennaio. Ad aprire le danze saranno gli Allievi 2° anno (ore 9.50), che alle 10.50 passeranno il testimone agli Juniores. Alle 11.45, arriverà il turno della gara assoluta femminile (Donne Juniores, Under 23, Elite e MW) e saranno scintille con Vania Rossi, Francesca Cucciniello, Eva Lechner, ma occhio a Valentina Scandolara, Elena Valentini, Stefania Vecchio e via dicendo. La gara sarà trasmessa in diretta su Rai Sport 2, proprio come la gara maschile (Elite e Under 23), che inizierà alle 13.30. Anche qui c'è un duello molto atteso, quello tra il campione in carica Marco Aurelio Fontana ed Enrico Franzoi, ma attenzione agli outsider.
Alle 14.50 chiuderà il programma di questi Italiani 2012 la competizione riservata agli Allievi 1° anno, che avrebbe dovuto aprire la giornata alle 9, ma che è stata spostata in chiusura per motivi di sicurezza: alle 9, infatti, il percorso potrebbe essere ghiacciato e così il comitato organizzatore del Centro Ciclocross Ussa ha deciso di fare una variazione sulla tabella di marcia.
IL DETTAGLIO DI OGNI GARA CON LE VOCI DEI PROTAGONISTI

MASTER 4/5 e OVER
“E’ stata quasi una gara ad eliminazione”. Sono le parole di un soddisfatto Gianni Panzarini, il nuovo campione italiano Master 4, che all’arrivo “fotografa” così la sua impresa. E' stata dura, le cadute non sono mancate e neanche gli scontri: il portacolori del Drake Team Cisterna ha appena finito la sua fatica, conclusa con lo sprint vincente che gli ha permesso di lasciarsi alle spalle nell’ordine Massimiliano Fraiegari e Flavio Zoppas e di laurearsi campione italiano 2012. Sono stati loro tre, assieme a Mauro Tursi, quarto, e Daniele Savio, quinto, a “battagliare” nel fango del Safety Park di Vadena (BZ), teatro dei Campionati Italiani di ciclocross – 20° Trofeo Città di Bolzano. Tra i protagonisti, in avvio, c’era anche Michele Paletti, messo fuori causa da una serie di cadute e scivolato in 19esima posizione. Alla fine, il discorso per la vittoria era fra cinque atleti, che tra una caduta e una scivolata non si sono sicuramente risparmiati sullo spettacolare percorso (2780 m: 360 sull’asfalto, 375 sull’erba e 2045 sullo sterrato). Nell’emozionante finale, l’ha spuntata con il tempo di 37’06 Panzarini, che ha tagliato il traguardo a braccia alzate davanti a Massimiliano Fraiegari (Nuova Larianese) e Flavio Zoppas (Vimotorsport), campione uscente. Con un ritardo di 4” è arrivato al traguardo Mauro Tursi con Daniele Savio più lontano, quinto a 22 secondi. “Ho dato tutto - commenta Panzarini – e sono riuscito a staccarlo negli ultimi metri. Ci sono state delle cadute, che hanno causato numerosi cambi in testa. Ho rischiato un po’ di più e sono riuscito a farcela”.
Tra i Master 5, invece, il successo è andato a Giuseppe Dal Grande: l’atleta del Cycling Team Friuli è arrivato 11esimo assoluto (in questa fascia 2) con il tempo di 39’17”, a 2’11” da Panzarini. Ad accompagnarlo sul podio sono stati Lorenzo Borgi (+1’04”) e Mauro Braidot (+1’35). “Partivo da favorito - spiega Dal Grande – e non è mai facile rispettare i pronostici, può sempre succederti qualcosa. Ho iniziato subito a spingere ed è andata bene. Il percorso? Bello tecnico, proprio come piace a me”.

La categoria Master Over ha visto confermarsi campione tricolore Renzo Valentini. L’esperto atleta del Team Bsr ha chiuso in 39’32, lasciando a 39” Giovanni Parro, secondo, con Paolo Scapinello sul gradino più basso del podio.
MASTER 1 / 2 ed ELITE SPORT
Un emozionante testa a testa ha animato la seconda gara di questi Campionati italiani di ciclocross 2012, quella che ha coinvolto i Master di prima fascia (M1/2/3 ed Elite Sport). Al Safety Park di Vadena (Bolzano), i protagonisti assoluti sono stati loro, Massimo Folcarelli (Drake Team Cisterno) e Carmine Del Riccio (Gs Esercito). E non è un mistero, visto che i due si sono dati battaglia per tutta la stagione e non si sono sicuramente tirati indietro nell’appuntamento clou. E anche in questo 20esimo Trofeo di Bolzano, appunto, non hanno tradito le attese.
A tagliare per primo il traguardo è stato Folcarelli (Master 2, già detentore del titolo), che ha regalato così la doppietta alla sua squadra, il Drake Team Cisterna, fresco fresco dei festeggiamenti a Gianni Panzarini, primo tra gli M4 solo un’ora prima. Ma anche Del Riccio ha potuto gioire: si è infatti confermato campione italiano tra i Master 1.

E’ proprio Del Riccio, originario di Campobasso, ma ormai altoatesino d’adozione, a prendere il comando della corsa. A tallonarlo, però, c’è Folcarelli, che non molla mai e spesso e volentieri gli dà il cambio. Il portacolori dell’Esercito fatica ad andarsene, anzi, perde terreno complice qualche problema tecnico. E quando mancano tre giri alla conclusione il romano Folcarelli scappa e se ne va, tutto solo verso il traguardo. Chiude in 57’57” con un vantaggio di sei secondi su Del Riccio. Alla fine tutti e due vestono il tricolore: Folcarelli tra i Master 2 (con Vladimiro Tarallo e Flaviano Mogavero a completare il podio), Del Riccio tra i Master 1 (davanti a Ivan Pintarelli e Adriano Nepa).

“Mi sono confrontato spesso con Carmine (Del Riccio, ndr) e sapevo di avere un passo un po’ più superiore al suo - dice Folcarelli -. So che lui è un grande atleta, un ottimo guidatore, ma so anche dove pecca un pochino: ho cercato rilanciare su ogni curva e mi è andata bene.

“Sulla gara di categoria in teoria non avrei dovuto avere grossi problemi e così è stato - spiega Del Riccio, che si è confermato campione tricolore M1 -. Nella gara assoluta sapevo invece che avrei dovuto fare i conti con Folcarelli. E’ molto competitivo ed è tutto l'anno che battagliamo e sinora non sono ancora riuscito a batterlo. E’ molto esperto ed ha una bella tecnica di guida. Io cercato di forzare l’andatura, poi ho avuto un problema meccanico, ho rotto il cerchio posteriore e mi è successo proprio appena passato al box. Così ho dovuto fare un giro con il cerchio che stava per cedere e non potevo spingere. Negli ultimi due giri ho provato a tornare sotto, ma ormai era andato. Faccio complimenti agli organizzatori, ringrazio l'infallibile Bruno Falcomatà, che mi segue sempre negli allenamenti. Dopo aver vinto il Giro d'Italia, il Trofeo Triveneto e l'Intersud, questo Campionato italiano era l'appuntamento da riconfermare. Ci siamo riusciti e quindi possiamo ritenerci soddisfatti. Ora possiamo fare anche un pensierino al Mondiale".

Ma c’è un’altra grande prova che va sottolineata. E’ quella di Marco Balberini (Scott RT), terzo assoluto. E anche per lui all’arrivo c’è una maglia verde, bianca e rossa ad aspettarlo. Balberini si laurea infatti campione italiano tra gli Elite Master Sport, titolo che aveva già centrato a Roma 2011, precedendo di due secondi la coppia dell’Eurobike formata da Vito Buono (4° assoluto e secondo ELM) e Maurizio Luigi Carrer (5° assoluto). Per quest’ultimo, però, c’è comunque una grande soddisfazione: il titolo M3 è suo (davanti a Massimo Sorgenti e Maurizio Tabotta, rispettivamente secondo e terzo).

“Era una sorta di due contro uno - spiega Balberini, ricordando la sfida con la coppia dell’Eurobike -, ma è andata bene. Il percorso? Un percorso difficile, ghiacciato, con tanto fango, ma molto tecnico: questa è una vera gara di ciclocross”.
Chiudiamo con Carrer, campione tricolore M3. “Noi dell’Eurobike siamo venuti a Vadena in tre ed eravamo pronti a vincere due maglie. Io ce l’ho fatta, ci ha provato anche Vito Buono, che ha tanta forza, gli è mancata un po’ d’esperienza, ma se l’è giocata comunque fino all’ultima curva. Per noi è un’ottima giornata, siamo arrivati da Bari e abbiamo conquistato questa maglia. Abbiamo portato a casa anche un secondo posto, che ci lascia un po’ di amaro in bocca, ma siamo pronti a migliorarci il prossimo anno”.

ESORDIENTI, DONNE ESORDIENTI, DONNE ALLIEVE 1° e 2° ANNO
Michele Bassani e Allegra Maria Arzuffi, ancora loro! Dopo aver vinto il titolo Esordienti un anno fa a Roma, i due baby "terribili" si sono ripetuti anche a Vadena, teatro dei Campionati italiani 2012 di ciclocross – 20esimo Trofeo Città di Bolzano.
In campo maschile, Bassani dell'Asd Postumia ha preceduto di 15 secondi il compagno di squadra Matteo Zecchin: i due hanno regalato una splendida doppietta al loro team, mentre Diego Guglielmetti, terzo a 55", ha completato il podio.
"Ci tenevo a fare bene in questa gara, che è la più importante della stagione e che la attendevo da tempo - dice un soddisfatto Bassani -. Vorrei dedicare questa vittoria alla mia squadra, a mio papà, che mi accompagna sempre in giro per l'Italia, ma anche agli sponsor e a Marcel Tinazzi".
Dopo gli Esordienti maschili, è toccato alla competizione femminile: ai nastri di partenza si sono allineate le partecipanti alle categorie Donne Esordienti, Donne Allieve 1° e 2° anno. La più veloce in assoluto è stata Chiara Teocchi del Tx Active Bianchi, prima in 26'04" e nuova campionessa Donne Allieve 2° anno, ventidue secondi più veloce di Silvia De Piaz, che si è potuta "consolare" con un grandissimo primo posto nella categorie Donne Allieve 2° anno.
Chiara Teocchi è al settimo cielo. "E' stata una stagione bellissima, ho centrato tutti gli obiettivi e sono davvero felicissima. E adesso devo iniziare a preparare per la stagione di mtb. Cosa farò da grande? La modella (ride, ndr)... No, vabbe', spero di continuare così e avere un futuro nel mondo del ciclismo".
Al terzo posto assoluto e secondo di categoria (DA2), si è piazzata Rebecca Gariboldi, che è riuscita a lasciarsi alle spalle Giulia Dal Pozzo (terza DA2), Chiara Galimberti, Anna Faoro (seconda tra le Donne Allieve primo anno) e Rachele Barbieri (terza tra le Donne Allieve primo anno). Allegra Maria Arzuffi, talento del Gs Cicli Fiorin, si è confermata campionessa tricolore fra le Donne Esordienti. Ha duellato sino alla fine con Silvia Pollicini, ma alla fine è riuscita a prevalere con un vantaggio di 12 secondi. E così è salita sul gradino più alto del podio, un'emozione vissuta già 12 mesi or sono a Roma.
"Sono contentissima di essermi ripetuta - spiega la vincitrice -. Mi sono sentita subito in forma, la gamba c'era, ho tenuto alto il ritmo fino a quando è arrivato la volata e sono riuscita a vincere".
Per info, classifiche e foto: www.ciclocross2012bolzano.it
Per video interviste http://www.youtube.com/altoadigesport

Matteo Igini
 

COMMENTI

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Non sono ancora presenti commenti.