OGNI GIOVEDÌ ORE 20,45 SU TELECHIARA E SU CANALE SKY 832 (TVA Vicenza)

Notizie, approfondimenti, servizi video dalle gare, classifiche:
con Teleciclismo sei sempre informato sul mondo del Ciclismo

News

torna indietro
14-8-2010

Le australiane stabiliscono il nuovo primato nell'inseguimento a squadre

Ancora grandi emozioni al velodromo di Montichiari che finoa domenica 15 agosto ospiterà i campionati del mondo su pista juniores.
Il programma serale si è aperto con il record del mondo dell'inseguimento a squadre donne fatto segnare dall'Australia migliorando quello stabilito lo scorso anno a Mosca: il nuovo record ora è 3'26”808. La Nuova Zelanda nulla ha potuto contro le ragazze australiane e sono state raggiunte ad un giro dal termine. Per Amy Cure, atleta del quartetto, è la seconda medaglia d'oro in questa edizione del mondiale. Nella finale per il terzo posto il bronzo è andato all'Olanda che è sempre stata in vantaggio fin dai primi giri.
Spettacolare la prova della corsa a punti disputata sulla distanza dei 100 giri e corsa a una velocità elevatissima: dopo solo 13 giri il russo Kirill Svenshikov ha guadagnato un giro e si è portato momentaneamente in testa alla classifica. Alla trentacinquesima tornata anche Didier Caspers (Olanda), Jordan Kerby (Australia) e Stephan Lemoine (Francia) ottengono i 20 punti di bonus per il giro guadagnato: Jordan Kerby riesce a piazzarsi in alcuni sprint e ha guadagnare i punti sufficienti per controllare la corsa. L'australiano vince la corsa con 29 punti davanti al francese Stephan Lemoine con 27 e al russo Kirill Sveshinkov con lo stesso risultato (Lemoine vince la medaglia d'argento per la miglior posizione nell'ultimo sprint).
Tre ori su tre finali per l'Australia che si impone anche nella velocità, una delle discipline più antiche del ciclismo su pista: Matthew Glaetzer sconfigge il tedesco Stefan Botticher due volate a zero, con l'ultima volata da brivido.
All'Australia va anche la medaglia di bronzo perchè Maddison Hammond ha battuto l'altro tedesco Philip Hindes nella finalina.
Il torneo della velocità femminile è arrivato ai quarti di finale; hanno passato il turno la koreana Lee, la russa Gnidenko, l'australiana Williams e la neozelandese Stephanie McKenzie: l'italiana Sara Consolati è caduta nella sua batteria, è stata condotta in ospedale, ma la sua situazione non è preoccupante. Stella Tomassini, l'altra italiana, si è piazzata al quinto posto vincendo la finale 5°/8° posto.
Si è disputata anche l'ultima corsa dell'omnium maschile in programma per la giornata, l'eliminazione, la gara introdotta l'anno scorso dall'UCI all'interno di questa disciplina, introdotta nel programma di prove solo nel 2007. E' stata vinta ancora dal francese Bryan Coquard che con 3 vittorie mette una seria ipoteca sulla vittoria di domani.
Il medagliere è sempre guidato dall'Australia ora con 5 ori, 2 argenti e 2 bronzi, sempre seguiti dalla Russia con due ori e 3 bronzi.

fonte:C.S.