OGNI GIOVEDÌ ORE 20,45 SU TELECHIARA E SU CANALE SKY 832 (TVA Vicenza)

Notizie, approfondimenti, servizi video dalle gare, classifiche:
con Teleciclismo sei sempre informato sul mondo del Ciclismo

Articoli

torna indietro
08-05-2019
Foto

Sabato 11 maggio 2019 si corre la classica-sprint “Alta Padovana Tour”

Attesa 1^ prova del Trofeo Internazionale Grand Prix Città Murata presentato lo scorso 03/05 Quartiere-Generale (Raduno-Partenza-Arrivo) allo Stadio “Pier Cesare Tombolato” (ingresso libero) In pluriennale gemellaggio con AS Cittadella e di spinta nella “volata” playoff Confermato l’avvincente circuito di 7 km. per 20 giri e totali 140 km e numerosi passaggi per il pubblico 130 iscritti di forti squadre elite-under 23 - Unico traguardo padovano della importante categoria

Cittadella.

Appuntamento con il Grande Ciclismo sabato 11 maggio in occasione della classica-sprint "Alta Padovana Tour, promossa dal Veloce Cub Tombolo presieduto da Amedeo Pilotto e riservata agli elite-under 23. La competizione, in pluriennale "gemellaggio" con AS Cittadella e di spinta nella “volata” playoff (impegnato sabato a Palermo nella decisiva ultima giornata) conferma quartiere-generale lo splendido Stadio “Pier Cesare Tombolato” con spettacolare raduno-partenza-arrivo (ingresso libero) e il circuito di km. 7 da ripetere 20 volte per complessivi 140 km., con la preziosa collaborazione comunale con il sindaco Luca Pierobon e l’assessore allo sport Diego Galli. Il sinuoso anello, con supervisione-tecnica dell’ex-pro e d.s. Flavio Miozzo, è stato disegnato lo scorso anno (rispetto al passato con un maxi-giro di 20 km nell’alta padovana) per aumentarne lo spettacolo e permettere al pubblico di assistere alle numerose tornate della carovana sul traguardo (a una media di 45 km/h il transito avviene ogni 9’20”) o con un rapido spostamento nei vari punti cruciali. Il percorso sviluppa tratti extra-urbani di lunghi rettilinei (circonvallazione SP 47 e SS-SR 53) favorendo forti “trenate” e urbani-misti con curve-controcurve, aperto a varie soluzioni come indica il prestigioso albo d’oro di vincitori e podi (nei vari traguardi di Cittadella, Galliera Veneta, Tombolo, tra cui nel 2009 l’oro olimpico di Rio 2006 Elia Viviani con il fratello Attilio del cremonese team Arvedi in gara). L’Alta Padovana Tour con questa veloce kermesse intende anche ricordare (ripercorrendo alcuni pirotecnici tratti) la storica tappa del Giro d’Italia 2008 e dei mitici “Circuiti degli Assi” del quadriennio 70/73. Dopo il sottopasso della SR 53 è posto l’intergiro di metà circuito e l’ultimo chilometro dopo la strettoia di Riva del Pasubio, in cui si tenterà di anticiparsi per le posizioni decisive nelle due curve finali ai 400 m. di Riva IV Novembre-Via Verdi e ai 200 m. di Via Verdi-Via Angelo Gabrielli (“una volata nella volata” come ha spiegato Miozzo nella Conferenza Stampa lo scorso 3 maggio a Palazzo Mantegna) per il conclusivo rettifilo davanti alla Curva Nord del “Tombolato”. Alla corsa sono iscritti 130 corridori appartenenti a 17 team, tra cui alcuni atleti territoriali. Il circuito, nella tradizione di una ciclistica Indianapolis tra le più veloci del calendario FCI, percorrerà Via Angelo Gabrielli; Via Ca’ Nave; Via Cristoforo Colombo; Cavalcavia-Via Galileo Galilei; Svincolo SS 53-Sottopassaggio; SR 53-Via Nicolò Copernico; Via Zucca; Cimitero Austroungarico; Viale del Cimitero; Borgo Treviso; la Cinta Murata in Riva del Grappa, del Pasubio. IV Novembre,; Via Verdi; Via Angelo Gabrlelli. Molte associazioni (tra cui ANC-Carabinieri e ANPS-Polizia di Stato) e gruppi-volontari, coordinati dal consigliere comunale Luigi Sabatino e Ginaldo Quattoni, impegnati nel tragitto in ogni condizione-meteo, Forze dell’Ordine (Polizia Locale e Carabinieri), scorta Polstrada Compartimento Veneto-Sezione di Padova e moto staffette-Fci dirette da Francesco Primon, Croce Rossa di Cittadella-Padova e vari servizi. La direzione di corsa è affidata a Carlo Endrizzi di Piazzola sul Brenta con la Giuria composta dal presidente Mario Bortolini (presidente), Stefania Benetton (arrivo), Arianna Bellio e Carlo Bortoletto (moto). La gara è la prima prova del Trofeo Internazionale Grand Prix Città Murata presieduto all’avvocato Enzo Conte e diretto da Pierluigi Basso. Fra forti team con vari corridori vincitori stagionali, dalla confinante Castelfranco Veneto anche la “Zalf Fior” è tra le più attese con sei successi complessivi e dodici vittorie nel Grand Prix, che poi prevede il Giro del Medio Brenta 14 luglio, GP Sportivi di Poggiana-Riese Pio X 11 agosto, Trofeo Gianfranco Bianchin-Paderno di Ponzano Veneto 22 settembre. Info-news fb VCTombolo

COMMENTI

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Non sono ancora presenti commenti.