OGNI GIOVEDÌ ORE 20,45 SU TELECHIARA E SU CANALE SKY 832 (TVA Vicenza)

Notizie, approfondimenti, servizi video dalle gare, classifiche:
con Teleciclismo sei sempre informato sul mondo del Ciclismo

Articoli

torna indietro
07-05-2018
Foto

Lo splendido "Sigillo con il Sagittario Alato del 70° di Fondazione della Polizia Stradale" consegnato a Pierluigi Basso

 Alla "Conferenza di Presentazione" del 17° Trofeo Internazionale Città Murata e della 1^ prova "Alta Padovana Tour", svoltasi in Sala Consiliare Villa Rina a Cittadella giovedì 3 maggio, Pierluigi Basso, direttore di corsa professionisti FCI e dirigente-organizzatore in varie discipline sportive, ha ricevuto il pregevole "Sigillo del 70° di Fondazione della Polizia Stradale". A consegnarlo è stato, a nome del Comandante del "Compartimento del Veneto della Polizia Stradale" Dirigente Superiore dr. Cinzia Ricciardi, l'Ispettore Superiore Giovanni Colluto della Sezione di Padova, delegato e intervenuto alla manifestazione con l'Assistente Capo Superiore Lorenzo Interrante, che ha spiegato in sala la motivazione per la pluriennale attività e collaborazione in molteplici iniziative sportive, ma soprattutto per la profonda stima e vicinanza manifestate alla istituzione della "Polizia di Stato-Polizia Stradale. L'Ispettore Colluto, durante la applaudita consegna, ha illustrato al microfono lo splendido medaglione, dallo sgargiante disegno del Sagittario Alato con arco e freccia e l'azzuro numero 70 con ricamo tricolore, celebrativo dell'anniverario di fondazione del 26 novembre 1947. "E' stato -ha commentato Pierluigi Basso-veramente un omaggio di intensa gioia e, sommessamente, anche di sincero onore, nel senso di vero legame di valori alla Istituzione tutta della Polizia e ringrazio di cuore la Comandante del Veneto dr. Cinzia Ricciardi, estendendo il pensiero a tutta la Polizia Stradale, per il prezioso contributo allo sport e specie nel quotidiano lavoro di notevole dedizione e sacrificio". "Nei nostri eventi -ha proseguito il dirigente sportivo cittadellese- oltre al lato tecnico-agonistico, cerchiamo di proporre i prioritari aspetti etico-morali dello sport e la presenza delle Forze dell'Ordine non si ferma infatti alla partecipazione di cortesia all'evento o di servizio-operativo alla competizione, ma diventa un momento di diffusione propedeutica, verso i giovani e il pubblico presente, degli esemplari ideali che le Istituzioni dello Stato rappresentano quale colonna portante della società civile, e anche allestendo spesso gli auto-moto-parchi espositivi con le fiammanti ammiraglie e ospitandone illustri campioni dei corpi militari, sempre nel riverente rispetto dei ruoli

COMMENTI

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Non sono ancora presenti commenti.